La storia di successo di Santal 33 di Le Labo

Il profumo Santal 33 di Le Labo potrebbe non sound familiare, ma probabilmente lo hai già sentito. Negli ultimi dieci anni, il suo inconfondibile profumo di legno di sandalo affumicato si è diffuso nei ristoranti e nei caffè, sulla metropolitana, al supermercato, nelle librerie, negli spazi di coworking e, più di recente, anche nell’ufficio del mio ottico.

Ma la storia di successo del profumo più venduto di Le Labo “Santal 33” rischiava di non esistere, come le Air Jordan e l’iPhone. Il percorso di creazione di Santal 33 è costellato di coincidenze che hanno aiutato a trasformare un marchio di nicchia in un nome conosciuto in ogni casa.

Nel 2006, Le Labo ha lanciato a New York 10 fragranze. Tra queste c’era un profumo al legno di sandalo, ma i co-fondatori Fabrice Penot ed Eddie Roschi decisero di trasformarlo in una candela. La chiamarono Santal 26 e ne produssero qualche centinaio per il debutto.

Il momento critico avvenne quando l’albergatore Ian Schrager ordinò una versione personalizzata della candela per profumare il Gramercy Park Hotel. Improvvisamente, i turisti e i locali che entravano nella hall venivano avvolti dalla sua fragranza distintiva, un tipo di pubblicità olfattiva che li spingeva nel piccolo negozio di Le Labo a Elizabeth Street.

Quattro anni dopo, Fabrice Penot incontrò casualmente un uomo profumato meravigliosamente bene. Lo chiese quale fosse il profumo che indossava e l’uomo rispose imbarazzato: “In realtà non è un profumo, è uno spray per ambienti. Lo compro in quel piccolo negozio di Elizabeth.” Quello spray per ambienti era Santal 26.

In quel momento Penot capì che doveva creare una versione indossabile della fragranza e chiese a Frank Voelkl – il profumiere dietro alla candela e allo spray – di realizzare il profumo, che chiamò Santal 33 in riferimento ai 33 ingredienti presenti nella formula.

Grazie alla sua combinazione di legno, spezie, note floreali e una leggera sfumatura di cuoio, Santal 33 ha creato un profumo senza precedenti. La sua diffusione era così ampia che sembrava che tutti indossassero Santal 33, da New York a Londra, da Parigi a Toronto e oltre.

Tuttavia, questa grande popolarità ha portato alcuni a snobbare il profumo, considerandolo troppo comune. Nonostante ciò, Santal 33 ha portato a una crescita a doppia cifra per Le Labo in tutto il mondo nel primo trimestre del 2024. È diventato un’icona olfattiva dell’intera generazione, uomo e donna.

Santal 33 ha trascinato con sé l’intero panorama dei profumi degli anni 2010, rendendo il legno di sandalo cremoso e legnoso una nota distintiva. Ha anche contribuito a rendere i profumi dal carattere legnoso più accessibili a un pubblico più vasto, grazie al crescente interesse per le fragranze unisex.

Nonostante le critiche e i meme, Santal 33 è riuscito a mantenere l’attenzione del pubblico per molto più tempo rispetto alla media. Anche se a volte può essere sovrastato, il profumo rimane un successo senza precedenti per Le Labo, che continua a conquistare nuovi mercati e mantenere la sua presenza tra i marchi più noti al mondo.

FAQ:

1. Qual è il profumo Santal 33 di Le Labo?
Il profumo Santal 33 di Le Labo è spesso descritto come un inconfondibile profumo di legno di sandalo affumicato. È diventato molto popolare negli ultimi dieci anni.

2. Come è diventato famoso il profumo Santal 33 di Le Labo?
Il profumo Santal 33 è diventato famoso grazie a coincidenze fortunate che hanno contribuito a diffonderlo. Inizialmente, era una candela chiamata Santal 26, ma l’interesse suscitato da una versione personalizzata della candela per un hotel ha portato alla creazione di una versione indossabile del profumo.

3. Come è stato chiamato il profumo dopo la sua trasformazione in una fragranza indossabile?
Dopo essere stato trasformato in una fragranza indossabile, il profumo è stato chiamato Santal 33 in riferimento ai 33 ingredienti presenti nella sua formula.

4. Quali sono alcune delle caratteristiche principali del profumo Santal 33?
Il profumo Santal 33 è caratterizzato da una combinazione di legno, spezie, note floreali e una leggera sfumatura di cuoio. Questa combinazione unica ha reso il profumo molto popolare e distintivo.

5. Qual è stata l’accoglienza del profumo Santal 33?
Nonostante alcune critiche da parte di coloro che lo considerano troppo comune, il profumo Santal 33 ha avuto un grande successo e ha contribuito alla crescita a doppia cifra della marca Le Labo nel mondo. È diventato un’icona olfattiva per molte persone.

Definizioni:

– Le Labo: È un marchio di profumi di nicchia con sede a New York.
– Legno di sandalo: È una materia prima utilizzata nella produzione di profumi, nota per il suo aroma ricco e avvolgente.
– Coincidenze: Sono eventi che sembrano accadere per caso, ma che hanno un effetto significativo o importante.
– Profumiere: È un esperto nella creazione di profumi, che si occupa della selezione e dell’assemblaggio degli ingredienti per creare fragranze uniche.

Link correlati suggeriti:
Le Labo (sito ufficiale di Le Labo)